Le opportunità  del programma EIT KIC Urban Mobility a sostegno dell’Hydrogen Valley della Regione Emilia-Romagna

Al via ufficiale i progetti H2 Dispenser e H2 Cargo Bike, finanziati dal programma EIT KIC Urban Mobility 

Conferenza stampa il 17 luglio alle ore 9:00, presso la Galleria Europa di Modena

L’idrogeno verde è uno degli ambiti di innovazione individuati dalla Regione Emilia-Romagna, come dimostrato dal finanziamento con fondi PNRR dell’Hydrogen Valley modenese, tra i primi e più rilevanti progetti di sviluppo dell’idrogeno rinnovabile per favorire la transizione energetica in Italia e contribuire alla decarbonizzazione dell’Emilia-Romagna. Fulcro dell’Hydrogen Valley a Modena sarà IdrogeMO, progetto di Gruppo Hera e Snam per la realizzazione di un polo produttivo in grado di produrre fino a 400 tonnellate di idrogeno rinnovabile l’anno, con la possibilità di futuri ampliamenti per incrementarne la produzione.

A Modena, le prime azioni concrete verso la creazione di una filiera dell’idrogeno hanno coinciso con l’avvio di tre progetti pionieristici, in cui ricerca e innovazione si combinano per dare forma alla progettazione di tecnologia a idrogeno. I tre progetti attualmente in corso – H2GO, H2 Cargo Bike e H2 Dispenser – sono finanziati da EIT Urban Mobility, iniziativa promossa dall’Istituto europeo di innovazione e tecnologia (EIT), la cui dotazione finanziaria è dedicata a sostenere le comunità della conoscenza e dell’innovazione (KIC): partenariati europei tra aziende, enti di ricerca, università ed imprese, che portano avanti un’agenda strategica in specifici settori scientifici e tecnologici.

La ricerca e la sperimentazione di H2GO, H2 Cargo Bike e H2 Dispenser è condotta da consorzi a cui aderiscono partner italiani ed europei, con elevati livelli di specializzazione. Tra questi, l’Agenzia per l’Energia e lo Sviluppo Sostenibile, soggetto coordinatore dei tre progetti, che, con il contributo di Claudia Carani e Francesco Guaraldi (AESS) avrà l’opportunità di presentare, il 17 luglio, presso la Galleria Europa, l’avanzamento dei lavori dei tre progetti.

L’incontro sarà arricchito dagli interventi di: Roberto Bolondi (Settore Ambiente, Mobilità, Attività Economiche – Comune di Modena), Claudia Romano e Emanuele Moretti (Regione Emilia-Romagna), Riccardo Roat (TPER) e Enrico Pieraccini (HERA) e Andrea Costa e Itzel Obregon (EIT Urban Mobility KIC).

Dopo un’introduzione di Roberto Bolondi, sulla situazione trasportistica della città di Modena, sulle progettualità in corso in ambito di ciclo-logistica e sulle sperimentazioni in ambito CCAM, seguirà la presentazione dei due delegati di EIT Urban Mobility KIC sulle opportunità di finanziamento offerte dai bandi Innovation Target Call e Rapid Application for Transport (RAPTOR).

Claudia Romano e Emanuele Moretti (Regione Emilia-Romagna) affronteranno il tema delle misure strategiche per lo sviluppo di tecnologie di produzione e di generazione della domanda di idrogeno, previste nel PNRR, e della loro applicazione concreta nell’operazione di rinnovo delle flotte del Trasporto Pubblico Locale.

Seguiranno gli interventi di Riccardo Roat (TPER) e di Enrico Pieraccini (HERA) sullo stato di avanzamento dei rispettivi progetti (introduzione di bus a idrogeno e realizzazione di una stazione per la produzione e il rifornimento di idrogeno).

A conclusione dell’incontro, sarà organizzata una tavola rotonda a cui parteciperanno, oltre ai relatori intervenuti, rappresentanti delle Università, dei Cluster GREEN, MECH e stakeholder locali, invitati a confrontarsi sulle opportunità di finanziamento offerte dall’EIT e a presentare proposte progettuali per l’attività di ricerca e sviluppo sull’idrogeno.