AL VIA BUTTERFLY. UN’OPERA SOSTENIBILE PER INCORAGGIARE LE PRATICHE AMBIENTALI.

Progetto Europa Creativa cofinanziato dall’Unione Europa

L’opera lirica è uno dei beni più preziosi della storia culturale europea e l’unico patrimonio che abbia unito il pubblico di tutta Europa mantenendo viva la sua diversità linguistica. Figlia delle celebrazioni allegoriche e dei fasti delle corti europee del Seicento, la sostenibilità ambientale non era tra le priorità di un genere di arte performativa che arrivò a costruire interi teatri per una singola rappresentazione. Da allora, i teatri d’opera di tutto il mondo si sono trasformati in macchine moderne con tecnologie avanzate, combinando bellezza, efficienza e tradizione. Oggi stanno compiendo il passo successivo per diventare anche sempre più sostenibili per l’ambiente e, in alcuni casi, per trasmettere al pubblico la consapevolezza necessaria per vivere bene e salvare il nostro pianeta.

BUTTERFLY: Boosting environmental awareness in opera creation (incoraggiare la consapevolezza ambientale nella creazione operistica) vuole promuovere un nuovo atteggiamento verso la sostenibilità esplorando nuove pratiche ambientali legate alla produzione e alla diffusione del teatro d’opera. Per fare ciò, il progetto vuole ripercorrere, in dimensione europea, ogni momento della produzione di un’opera con l’intenzione di sperimentare pratiche sostenibili in ogni sua fase: l’ideazione del soggetto, la scrittura di musica e libretto, la realizzazione di scene e costumi, le prove, gli spostamenti, la rappresentazione, la circuitazione nei diversi teatri, la comunicazione e la frequentazione del pubblico. Il coinvolgimento dei giovani e delle scuole, che in questi anni sono stati un motore propulsivo alla sensibilità ambientale, è una delle principali preoccupazioni del progetto, come anche la condivisione dei risultati con l’intero sistema teatrale.

BUTTERFLY è un progetto lanciato dalla Fondazione Teatro Comunale di Modena con un consorzio di teatri e partner europei. Dopo la conclusione nel giugno 2022 di CrossOpera, progetto europeo realizzato insieme ai Teatri di Linz e Novi Sad, il Teatro Comunale di Modena è stato di nuovo vincitore del bando Creative Europe 2021-2027 per la cooperazione internazionale con la proposta di un’opera lirica dedicata alla sostenibilità ambientale. Il progetto, più ampio del precedente e con un premio europeo di un milione di euro, sarà realizzato attraverso un consorzio di organizzazioni da cinque diversi Paesi.

Il Comune di Modena, socio fondatore accanto alla Fondazione di Modena della Fondazione Teatro Comunale, partecipa come partner associato al progetto, coinvolto, insieme ad Ars Electronica di Linz, quale città creativa UNESCO per le media arts. Attraverso il sostegno al progetto BUTTERFLY il Comune di Modena riafferma il valore della creatività e della cultura nella vita dei singoli cittadini e della comunità nonché la sua importanza per uno sviluppo urbano sostenibile.

ATTIVITÀ

La nuova opera sarà formata da tre atti di trenta minuti ciascuno, uno per ogni Paese dei Teatri partner, composti da altrettante storie dedicate a un tema ambientale: acqua, terra e aria. La coproduzione coinvolgerà tre compositori (e librettisti) dei tre Teatri d’opera partner del progetto.

L’ideazione dell’opera e del libretto inizierà con una fase di ideazione e co-creazione realizzata dagli studenti delle scuole superiori dei tre Paesi – Italia, Polonia e Finlandia – attraverso un ciclo di incontri moderati dalle agenzie per l’ambiente, a Modena, Helsinki e Danzica, coordinate da AESS. Seguirà un bando internazionale per selezionare gli autori che scriveranno la musica e il libretto per le storie create dagli studenti. Successivamente, i compositori e i librettisti selezionati lavoreranno fianco a fianco con il team creativo e i direttori artistici del progetto nell’ambito di due residenze che si svolgeranno a Danzica e a Modena. Infine, dopo due anni di lavoro, il progetto culminerà, nel maggio 2025, nella rappresentazione dell’opera nei teatri partner e resterà visibile online. La produzione finale si avvarrà di tecnologie digitali avanzate e rappresenterà il caso esemplare di una produzione operistica più sostenibile.

Parallelamente, con il coordinamento di AESS verranno realizzati workshop per stimolare i teatri alla sostenibilità nella produzione operistica. Le pratiche sostenibili applicate verranno supportate durante l’intero processo dalla sperimentazione delle nuove tecnologie (dalla realtà virtuale al 3D). Il progetto si concluderà con un evento finale a Bruxelles coordinato dall’agenzia Cumediae durante il quale risultati saranno verranno presentati e discussi in un meeting internazionale che riunirà tutti i partner oltre che esperti e rappresentanti dei teatri internazionali.

CONSORZIO

BUTTERFLY: Boosting the environmental awareness in opera creation è un progetto cofinanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del Programma Europa Creativa che durerà fino a gennaio 2026. È realizzato da un Consorzio guidato dal Teatro Comunale di Modena, uno dei principali teatri di tradizione nazionali. Al Consorzio si uniscono altri due teatri lirici: Opera BOX di Helsinki (Finlandia) e Opera Baltica di Danzica (Polonia). L’associazione no-profit AESS, con sede a Modena, sarà responsabile della parte sulla sostenibilità ambientale, mentre Heimspiel, l’agenzia esperta nella produzione di realtà virtuale e di media arts con sede ad Augusta (Germania), guiderà la parte di produzione audiovisiva del progetto. CUMEDIAE, agenzia no profit con sede a Bruxelles che fornisce servizi di consulenza nel settore culturale a livello europeo, si occuperà della comunicazione del progetto e della sua ampia diffusione internazionale.

RASSEGNA STAMPA

Gazzetta di Modena (24.03.2023)

Il Resto del Carlino Modena (24.03.2023)