Primo Premio Nazionale Divulgazione Scientifica per ragazzi al libro "Forte come il Sole"

“Un esempio di letteratura al servizio della comunità energetica”.

Con questa motivazione, la giuria del Premio Nazionale di Divulgazione Scientifica Giancarlo Dosi, ha assegnato il primo premio al libro illustrato ‘Forte come il sole’, nato all’interno del progetto GECO-GREEN ENERGY COMMUNITY coordinato da AESS e realizzato in collaborazione con ENEA Nazionale, UniBo e Climate-KIC (co-finaziatore).

Il testo accompagna i bambini e le bambine, a partire dai 5 anni, nella comprensione dei concetti legati all’energia accessibile, rinnovabile e condivisa.

La premiazione sarà a Roma, giovedì 14 dicembre alle ore 15, nella sala convegni del CNR Consiglio Nazionale delle Ricerche e sarà trasmessa in diretta streaming.

Scopri i vincitoriScarica una copia del libro in pdf

Modena: edizione da record per la Settimana della Bioarchitettura e della Sostenibilità 2023

Modena: edizione da record per la Settimana della Bio architettura e della Sostenibilità

Si è conclusa la ventesima edizione della Settimana della Bio Architettura e della Sostenibilità, la rassegna promossa da AESS per diffondere la cultura della sostenibilità architettonica e urbanistica, dell’innovazione e del risparmio energetico.

L’edizione 2023, dal titolo: “Terre d’acqua e di energie. La condivisione delle risorse per contrastare la crisi climatica”, ha messo al centro dell’attenzione l’impatto della crisi climatica sul nostro territorio e la conseguente fragilità idraulica ed idrogeologica, con l’obiettivo di identificare nella condivisione delle risorse un’opportunità di sviluppo sostenibile.

Un’edizione straordinaria dal punto di vista dei numeri con oltre 50 relatori, più di mille presenze on-line con una media di 200 collegati ad ogni webinar per un totale di 23 ore di lezione. Oltre 100 presenze al convegno inaugurale aperto dal Sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli.

“Vent’anni di Settimana della Bio Architettura hanno contributo al tentativo di indirizzare verso il futuro la nostra comunità. Sempre di più è necessario approfondire, conoscere, ascoltare e dall’altra parte avere riferimenti certi, come AESS, per produrre in risultati pratici quella cultura che abbiamo sviluppato e che a Modena è dentro al Piano Urbanistico Generale, dentro allo sviluppo della città” così il primo cittadino modenese.

“Sono stati sette giorni davvero intensi in cui abbiamo parlato di terre d’acqua e di energia. Di come i comuni e le amministrazioni, i tecnici e i professionisti possono collaborare alla trasformazione delle nostre città per renderle a prova di emergenza climatica” ha spiegato l’architetto Francesca Poli, responsabile dell’ufficio transizione ecologica di AESS e coordinatrice della rassegna.

Durante la Settimana della Bio Architettura sono stati assegnati il Premio Sostenibilità “Daniela Di Croce” e il Premio Mobilità con una cerimonia pubblica che si è svolta al Museo Enzo Ferrari di Modena.

A vincere il Premio Sostenibilità sono stati LDV74 di DVA DVision Architecture nella categoria “Edilizia Ristrutturazioni e/o Restauro”, ARCA URBAN WALL di ARCA Puglia nella categoria “Spazi Pubblici” e FERRERO TECHNICAL CENTER di Frigerio Design Group nella categoria “Edilizia Ex Novo”. Menzione d’onore per la Biblioteca Luigi Malerba di Studio ArchiMonta

Il Premio Mobilità è stato vinto da Trace – Integration and Harmonization of Logistics Operations di URBICO srl nella categoria “Ricerca – Innovazione tecnologica e da Handshake – Innovativo modello di ‘mentoring’ per potenziare la capacità delle capitali del ciclismo di “ispirare” le città follower di ISINNOVA, Research Innovation Sustainability nella categoria “Servizi e soluzioni per il cambiamento”

Menzioni per DEDA NEXT, HIPERT, T BRIDGE per l’Istituto Superiore Liceale Matilde di Canossa di Reggio Emilia.

“Con questa edizione abbiamo festeggiato vent’anni di una storia importante, che come Agenzia per l’Energia e lo Sviluppo Sostenibile, vogliamo proiettare nel futuro. Come sempre, anche l’edizione 2023 appena conclusa, ha voluto approfondire e focalizzarsi sui temi del momento perché per fare fronte al cambiamento l’unica strada è essere preparati” così Benedetta Brighenti Presidente di AESS.

In occasione della ventesima edizione la Settimana della Bio Architettura e della Sostenibilità si è presentata al pubblico con una visual identity completamente rinnovata nel logo e nel lettering. “Un’immagine moderna e solida che accompagnerà la rassegna nei prossimi anni” hanno spiegato dall’ufficio marketing e comunicazione dell’ Agenzia per l’Energia e lo Sviluppo Sostenibile.


Annunciati i vincitori del PREMIO SOSTENIBILITA' "Daniela Di Croce" 2023

Premio Sostenibilità e Premio Mobilità 2023: selezionati i progetti vincitori.
Il 14 novembre alle ore 15 presso il MEF (Museo Enzo Ferrari) di Modena la cerimonia di premiazione.

La Settimana della Bioarchitettura e della Sostenibilità è la rassegna dedicata alle soluzioni sostenibili ed innovative, organizzata annualmente da AESS. L’evento è un appuntamento unico a livello nazionale nel suo format e atteso da tutti i soggetti interessati, il programma, molto ricco e all’avanguardia, propone una rassegna di best practices locali, nazionali e internazionali che si alternano per una settimana con un susseguirsi di convegni, seminari tecnici e workshop tecnici sulla sfida del progettare, costruire, riqualificare sostenibile e intelligente, con risparmio energetico e in sicurezza. Tra i temi trattari anche la mobilità sostenibile.

All’interno dell’evento, AESS organizza, con cadenza biennale, due premi a scala nazionale: il Premio Sostenibilità “Daniela di Croce”, riconoscimento nazionale delle migliori architetture green in Italia, e il Premio Mobilità, destinato ai più innovativi sistemi di trasporto mirati al raggiungimento della zero carbon strategy.

PREMIO SOSTENIBILITA’ 2023

All’interno della XX edizione della Settimana della Bioarchitettura e della Sostenibilità, a cadenza biennale AESS organizza la X edizione del Premio Sostenibilità “Daniela Di Croce”, promosso per valorizzare e divulgare le buone pratiche del costruire attraverso la selezione di realizzazioni che abbiano seguito i principi costruttivi della bioarchitettura e del risparmio energetico e dell’integrazione delle nature-based solutions in ambito urbano, il controllo dei consumi di energia, l’impiego di materiali e tecniche non inquinanti e non nocive per la salute dell’uomo, la sostenibilità sociale ed economica, l’innovazione. Il Premio riguarda sia interventi ex-novo sia riqualificazione/ restauro del patrimonio esistente, pubblico o privato, con funzione residenziale e terziaria. Il Premio prevede tre categorie di concorso:

1. EDILIZIA EX-NOVO

2. EDILIZIA RISTRUTTURAZIONI E/O RESTAURO

3. SPAZI PUBBLICI

La giuria, costituita da Andrea Rinaldi (Università degli Studi di Ferrara) e Diego Angeli (UniMoRe) ha decretato, i tre vincitori dell’edizione di quest’anno e assegnato una menzione d’onore:

  • Categoria 1 (“Edilizia RistruRurazioni e/o Restauro”): LDV74 di DVA DVision Architecture.
  • Categoria 2 (“Spazi Pubblici”): ARCA URBAN WALL di ARCA Puglia – Mauro Saito Archite_.
  • Categoria 3 (“Edilizia Ex Novo”): FERRERO TECHNICAL CENTER di Frigerio Design Group.
  • Menzione d’onore (all’interno di Cat.1 “Edilizia Ex Novo”): Biblioteca Luigi Malerba di Studio ArchiMonta.

I progetti vincitori e quelli con menzione saranno premiati ufficialmente in occasione della cerimonia che si terrà il 14 novembre alle ore 15 presso il MEF – Museo Enzo Ferrati di Modena.

La partecipazione è gratuita, previa iscrizione.


Annunciati i vincitori del PREMIO MOBILITÁ 2023

Premio Mobilità 2023: annunciati i progetti vincitori e le menzioni speciali dell’edizione di quest’anno.

Nella giornata dello scorso 2 novembre, la giuria dell’edizione 2023 del Premio Mobilità si è riunita per decretarne i vincitori a cui quest’anno si sono aggiunte quattro menzioni speciali riconosciute altrettanti progetti innovativi distintisi per le soluzioni che hanno saputo offrire al comparto della mobilità sostenibile.

Vi presentiamo i vincitori, riportando le motivazioni espresse dalla giuria composta da Simona Larghetti, Francesco Leali, Francesco Iacorossi:

  • Vincitore Categoria 1 (RICERCA – INNOVAZIONE TECNOLOGICA)Trace – Integration and Harmonization of Logistics Operations di URBICO srl;
  • Vincitore categoria 2 (SERVIZI E SOLUZIONI PER IL CAMBIAMENTO DEL COMPORTAMENTO A FAVORE DELLA PROMOZIONE DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE DELLE PERSONE E DELLE MERCI)Handshake – Innovativo modello di ‘mentoring’ per potenziare la capacità delle capitali del ciclismo di “ispirare” le città follower di ISINNOVA, Research Innovation Sustainability.

I progetti che hanno ricevuto menzione speciale sono:

  • Categoria 1, Menzione “Pianificazione efficace” a Algoritmo Innovativo AIR-BREAK – Un algoritmo innovativo per monopattini elettrici in sharing di DEDA NEXT srl;
  • Categoria 1, Menzione “Alto contenuto tecnologico e monitoraggio pedoni” a CTE NEXT – LA CASA DELLE TECNOLOGIE EMERGENTI DI TORINO – Sistema per il riconoscimento, tracciamento e geolocalizzazione di pedoni, in ottica Smart City di HIPERT srl
  • Categoria 1, Menzione “Mobilità come diritto” a TRIPS – Affrontare e prevenire la discriminazione nei confronti delle persone disabili nelle soluzioni di mobilità future di T BRIDGE spa;
  • Categoria 2, Menzione “Bike-to-work” a Progetto Bike-to-Work (proposto dal Comune di Reggio Emilia) dell’Istituto Superiore Liceale Matilde di Canossa di Reggio Emilia.

I progetti vincitori e quelli con menzione saranno premiati ufficialmente in occasione della cerimonia che si terrà il 14 novembre alle ore 15 presso il MEF – Museo Enzo Ferrati di Modena.

La partecipazione è gratuita, previa iscrizione.

Scarica il verbale della giuria

Al via il progetto AT LAST!

Realizzato a Modena il Kick-off Meeting del progetto AT LAST – Accelerating the energy and climate Transition of Local Authorities through Support and Training

Il Kick-off Meeting di AT LAST si è tenuto il 17 e 18 ottobre a Modena, nell’ambito dell’evento Grafting Cities: Cultivating our Common Future, il forum di 2 giorni incentrato sulle trasformazioni urbane locali per il raggiungimento degli obiettivi climatici, co-organizzato dal Comune di Modena, Energy Cities, Climate Alliance e AESS, che ha portato a Modena oltre 400 rappresentanti di città e organizzazioni da 40 diversi Paesi . L’evento è stato un’occasione unica per riunire i partner di AT LAST in un contesto internazionale, caratterizzato dalla condivisione di buone pratiche e saperi.

AT LAST è un progetto LIFE che renderà le città e le comunità europee più forti e più efficaci nel mettere in pratica le loro ambizioni climatiche. Lo scopo del progetto è quello di accelerare e potenziare strutturalmente l’attuazione dei piani d’azione per l’energia sostenibile e il clima (SECAP, PAESC nell’acronimo italiano) in tutta Europa, concentrandosi sulle città di piccole e medie dimensioni, ovvero quelle che non sono coinvolte nelle missioni dell’UE .

L’obiettivo principale del primo incontro di partner era quello di chiarire le responsabilità di sei partner (AESS, Klimaat Verbond, Transition Stories, Swedish Environmental Institute, REVOLVE, VVSG) e fornire una panoramica del progetto che consentisse di identificare tutte le aspettative degli stakeholder di AT LAST.

Durante le due giornate, il consorzio ha lavorato sulla governance del progetto, sulla pianificazione e programmazione delle fasi del progetto, nonché sul diverso approccio di ciascun Paese (Italia, Paesi Bassi, Svezia) alla definizione delle città proprie pilota.

L’incontro è stata una grande opportunità per i partner di incontrarsi e discutere il piano di lavoro e allineare la strategia per compiere i passi successivi del progetto.